|

vibrazioni trasmesse al corpo interoLe vibrazioni trasmesse al corpo intero a bordo di macchine mobili possono essere determinate dal motore (regime di rotazione) e dalla traslazione del mezzo (superficie di scorrimento, velocità, interfaccia mezzo-superficie), oppure dalle lavorazioni (movimentazione terra, aratura, ecc.) svolte dall´attrezzo. 

Per quanto riguarda le vibrazioni trasmesse al corpo intero da macchine fisse, invece, le vibrazioni sono determinate dalle operazioni svolte dalle macchine stesse e dal movimento degli organi interni.L´esposizione a lungo termine a vibrazioni di elevata intensità trasmesse al corpo intero può determinare alterazioni del rachide lombare. Gli effetti possono inoltre riguardare il sistema cervico-brachiale, l´apparato gastroenterico, il sistema venoso periferico, l´apparato riproduttivo femminile ed il sistema cocleo-vestibolare.  

Per quanto riguarda le vibrazioni al corpo intero, il riferimento tecnico per la misurazione e la valutazione del rischio di esposizione professionale è costituito dallo standard ISO 2631-1:1997. A livello di normativa tecnica, inoltre, nella norma UNI 9614 è definita una metodologia per la misura delle vibrazioni immesse all’interno degli edifici ad opera delle sorgenti esterne od interne agli edifici stessi. Infine, si deve menzionare la norma UNI 9916 che fornisce una guida per la scelta di appropriati metodi di misura, di trattamento dei dati e di valutazione dei fenomeni vibratori per permettere la valutazione degli effetti delle vibrazioni sugli edifici, con riferimento alla loro risposta strutturale ed integrità architettonica.