Up

Normativa inquinamento luminoso

Negli ultimi anni il nostro Paese ha fatto un consistente sforzo legislativo, a livello regionale, mentre non esiste attualmente una normativa nazionale che disciplini tale fenomeno. A livello regionale solo la Regione Calabria non ha una legislazione propria, le altre 18 regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano hanno leggi regionali che riguardano l’inquinamento luminoso e in alcuni casi coniugano questo tema con quello del risparmio energetico. In Sardegna su tale argomento esistono Deliberazioni della Giunta Regionale.
Un riferimento normativo tecnico condiviso fra i vari operatori di settore è la norma tecnica UNI10819/1999“Luce e illuminazione –Impianti di illuminazione esterna – Requisiti per la limitazione della dispersione verso l’alto del flusso luminoso”.

A livello internazionale la CIE, Commission Internationale de l’Eclairage, si è occupata di inquinamento luminoso e di illuminazione urbana nelle seguenti raccomandazioni:

-       1/1980 “Guidelines for Minimizing Urban Sky Glow near Astronomical Observations with the International Astronomical Union”; 126/1997 “Guidelines for minimizing Sky Gl136/2000 “Guide to the lighting of urban areas”;

-       150/2003 “Guide on the Limitation of the Effects of Obtrusive Light from Outdoor Lighting Installations”;

-       Draft Standard 015.2/E:2004 “Lighting of outdoor work places”;

-       CIE CEN (European Commitee for Standardization) draft prEN12464-2 “Light and lighting. Lighting of work places. Part 2: Outdoor work places”.

I paesi europei che hanno legiferato sull’argomento sono la Spagna, la Repubblica Ceca, e la Slovenia.

Lazio (2)
Marche (1)
Molise (1)
Puglia (2)
Trento (2)
Umbria (1)
Veneto (4)
 
 
Powered by Phoca Download

Inquinamento luminoso